Seleziona una pagina

BEST Napoli ha preso parte il 17/12/2018, nella sede di San Giovanni a Teduccio della Facoltà di Ingegneria della “Federico II”, all’evento “BANG 2018 – Business Analysis R-Evolution for the Digital Transformation”, che si è presentato all’associazione come una grande opportunità per conoscere aspetti innovativi intorno al mondo dell’analisi di business e recenti previsioni su come possa avvenire la trasformazione del mondo digitale in base allo status quo.

L’affluenza è stata consistente e oltre le aspettative, indicando come sia forte l’interesse e la curiosità del pubblico verso la materia. Ovviamente noi di BEST Napoli non potevamo mancare e siamo saliti molto volentieri per un tour a bordo di questa nave meravigliosa, e con stupore ci siamo avventurati verso quella che è stata solo una delle infinite rotte dell’oceano della trasformazione digitale. Un bellissimo mondo che ci ha investito con il suo treno di idee e ci ha portato, attraverso un overdose di analisi critiche, sulle vette degli studi più recenti in materia per assistere con i nostri occhi a un panorama innovativo e a paradigmi inversi, dinamici e interattivi, centrati sulla persona e non sul prodotto.

Ha introdotto il seminario la presidentessa Prassede Colombo che ci ha illustrato la differenza tra un Digital Strategist, un Digital Specialist e un Digital Renaissance Professional, focalizzandosi sulla trasformazione in pochissimo tempo della figura del Business Analyst che deve in linea di massima aiutare le aziende nella digital transformation, fissare degli obiettivi strategici nella costruzione del valore dell’azienda e focalizzarsi sulla customer experience.

Si sono susseguiti numerosi interventi e tra più interessanti c’è sicuramente quello di Ugo Mendes Donelli che ha sbaragliato la concorrenza. Un oratore, un leader, un performer! Ci ha parlato del Business Model Canvas e della Piramide di Maslow capovolta.

Un altro intervento di particolare interesse è stato quello di Pierluigi Rippa (Professore Unina) che ha mostrato i concetti di Digital Entrepreneurship e quello di Contamination Lab, ha introdotto il concetto di Barriera in ambito tecnologico come ostacolo di tipo culturale, economico, temporale o semplicemente rappresentato dalla mancanza di conoscenza.

Ancora un altro intervento critico e denso di informazioni è stato quello di A. Pescapè (Professore Unina e direttore di DIGITA Academy) che ha analizzato lo status quo considerando non solo le tecnologie esistenti, ma anche il contesto in cui esse sono inserite. Inoltre ha presentato gli aspetti salienti della DIGITA Academy mettendo in risalto la sua qualità formativa, l’ambiente continuamente sfidante e come tutto ciò possa trasformarsi in una valida opportunità per i giovani.

Particolarissima è stata l’idea delle interviste di gruppo sul salottino dell’Aula Magna, che ha visto la presenza di realtà che vanno da quella universitaria a quella aziendale, da quella tecnica a quella economico-gestionale.

Chiude il sipario la premiazione dei vincitori della Challenge “Digital Business Analysis Experience” proposto agli Studenti della DIGITA Academy 2018/2019 a cui vanno i nostri complimenti per l’originalità della proposta di soluzione.

Hanno coronato l’evento, infine, l’ottimo caffè e il buffet di dolci, sempre graditi!

Inoltre ai più curiosi segnaliamo che IIBA Italy Chapter ha in cantiere una serie di interessanti workshop serali con eventi di approfondimento a cadenza mensile.
Il primo, intitolato “STRATEGY HORIZON key concepts & minimal viable product technique”, si terrà martedì 22 gennaio dalle 17:30 alle 20:00 presso FLYFood, Centro Direzionale Isola G2, Napoli.

Il laboratorio serale propone una interessante overview sull’Innovation BA, sull’Agile Extension e sulla tecnica del Minimal Viable Product, per comprendere come ottenere il più alto ritorno sugli investimenti rispetto al rischio. A tutti i partecipanti verranno rilasciati 2 CDU e 2 PDU.

Per avere più dettagli, andate su https://italy.iiba.org/

Non mancate!